Amministrative Oderzo 2016: un po’ di numeri

2 luglio 2016 alle 14:55 | Pubblicato su commenti, oderzo | Lascia un commento
Tag: , , , , , , , ,

oderzo74voti

Come già feci nel 2006 e nel 2011, ecco un po’ di statistiche sulle elezioni comunali a Oderzo. 

In vista del ballottaggio di domenica prossima [domenica scorsa] a Oderzo, ecco qualche curiosità statistica sui risultati elettorali del 5 giugno scorso.

Giovani. Sui 183 candidati, solo 30 avevano al massimo trent’anni. Può aspirare ad una conferma il venticinquenne Alberto Simonetti, eletto in consiglio comunale nel 2011 ad appena vent’anni con le civiche di maggioranza, mentre potrebbero entrarci il suo coetaneo Teo Cimitan e la trentunenne Laura Vettor, entrambi candidati con la Lega Nord.

Uomini vs donne. La differenza tra il numero di candidati e candidate è diminuita rispetto alle amministrative del 2011, ma l’attuale legge in vigore impone che essa sia al massimo di un terzo. I candidati maschi rappresentavano il 60,1% del totale contro il 68% di cinque anni fa: gli opitergini, con una precisione notevole, gli hanno attribuito il 59,98% delle preferenze. Di conseguenza le donne, che rappresentavano il 39,9% dei candidati, hanno raccolto il 40,02% delle preferenze.

Paradossalmente il Movimento Cinque Stelle, la lista che cinque anni fa meglio aveva rappresentato la parità di genere (metà uomini e metà donne), è quella che quest’anno presentava la più alta percentuale di maschi (due terzi). Nel 2011 nella Lega Nord le donne erano la maggioranza (53%); quest’anno sono scese al 37,5%.

Età media. I candidati presentavano un’età media di 45,1 anni, leggermente aumentata rispetto ai 44,5 anni del 2011 (allora però era presente anche una lista civica di soli giovani). Curioso il caso del candidato Giuseppe Zago, appoggiato dalla lista con l’età media più bassa (Oderzo Sono Io, 36 anni) e da quella più alta (Partito Democratico, 57 anni contro i 51 di cinque anni fa). Media di 57 anni anche per i candidati di Oderzo Sicura.

Social network. Se i “mi piace” totalizzati dai candidati con le loro pagine ufficiali su Facebook si fossero tramutati in voti, a vincere sarebbe stato Mario Gherlenda. La più “sottovalutata” in questa strana classifica è Laura Damo, la quale probabilmente ha un elettorato meno attivo su internet rispetto a quelli degli altri.

Astensione. Tenendo conto che quasi quattro opitergini su dieci non sono andati alle urne, tutte le percentuali andrebbero ridimensionate proporzionalmente: Maria Scardellato e Laura Damo hanno raggiunto il ballottaggio raccogliendo rispettivamente il consenso del 24,95% e del 13,35% del totale degli aventi diritto. A seguire tutti gli altri.

L’Azione, domenica 26 giugno 2016

(In alto: semi-citazione di “Robespierre” degli Offlaga Disco Pax, per la quale ci scusiamo con Max Collini. Qui sotto: statistiche sulle elezioni pubblicate nella pagina Facebook di Fucina n.4.)

//embedsocial.com/facebook_album/album_photos/981915015259078

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: