“Una terra antica” di Ulderico Bernardi

7 marzo 2015 alle 11:55 | Pubblicato su commenti, L'Azione, oderzo | Lascia un commento
Tag: , , , , , ,

Oderzo, giardini pubblici

Oderzo è uno dei centri abitati più antichi del Triveneto. Tremila anni di storia, di una città e del suo territorio circostante, che ancora non sono stati pienamente scandagliati con criteri storiografici moderni, nell’ottica di un’operazione che, viste le premesse, necessiterebbe di ricerche archivistiche e archeologiche lunghe e difficoltose. In passato ci hanno provato, con lavori sempre più datati dal punto di vista cronologico e metodologico, i vari Albrizzi, Mantovani, Rocco, Bellis ed altri. E ci avrebbe provato, se la guerra non avesse posto violentemente fine alla sua vita, anche Arrigo Bernardi, segretario comunale, giornalista, figura di spicco negli ambienti culturali opitergini degli anni del fascismo.
A settant’anni di distanza dalla sua morte, il figlio Ulderico Bernardi si è preso la soddisfazione di realizzare il sogno del padre pubblicando Una terra antica, ultima voce di una bibliografia lunga ormai quarant’anni.
Uscita per i tipi della Editrice Santi Quaranta di Treviso, l’opera ha l’obbiettivo di raccontare la storia di Oderzo e del suo territorio dall’età paleoveneta ai giorni nostri; Bernardi lo fa tramite le vicende di alcuni illustri personaggi che in questa terra sono nati o ci hanno vissuto, e, nei primi capitoli, raccontando aneddoti e curiosità che hanno contraddistinto i secoli passati. Episodi che ci sono stati tramandati da storici moderni come quelli citati nelle righe precedenti ma la cui piena veridicità, in qualche caso, viene però messa in dubbio da alcuni studiosi contemporanei.
La parte più significativa ed interessante del libro corrisponde agli ultimi tre capitoli (su sei totali): qui l’autore entra nel campo a lui più congeniale, ovvero la sociologia e la storia contemporanea, raccontandoci il fenomeno dell’emigrazione veneta e in particolare tre figure ancora poco note che, partite da questa terra, hanno fatto fortuna oltreoceano nel campo dell’industria alimentare: Geremia Lunardelli di Mansuè, Amedeo Obici di Oderzo e Giovanni Giol, friulano di nascita ma sanpolese di adozione. Col proseguo delle pagine, Bernardi si tuffa in pieno nel Novecento alternando i panni dello storico a quelli del narratore, fondendo la storia della città con quella della propria famiglia per gettare luce sulla morte del padre Arrigo il quale, fonti storiche e orali concordano, non partecipò mai ad azioni violente o compiuto soprusi, ma questo non lo salvò dall’essere rapito e giustiziato nelle campagne di Fagarè, insieme a due amici, da un gruppo di violenti vicini ai movimenti partigiani.
Nelle ultime pagine del libro Bernardi prosegue oltre presentando un’analisi del cambiamento epocale che, nel bene e nel male, ha interessato l’opitergino-mottense così come l’intera regione nel dopoguerra, e in particolare il rapido passaggio dal paesaggio agreste all’attuale continuum spaziale di case, campi e stabilimenti industriali cresciuti disordinatamente tra case e paesi. Tra gli artefici di questo cambiamento l’autore non può non citare il “metalmezzadro”, vocabolo da lui stesso coniato per identificare i contadini che negli anni del boom economico arrotondavano con il turno di notte in fabbrica.
Ad arricchire ulteriormente il libro ci pensano le varie divagazioni sulla lingua, la cultura e le tradizioni locali che spuntano tra le pagine.
Concludendo, Una terra antica più che “la” storia di Oderzo è “una” storia di Oderzo, una storia attinente alla vicenda pubblica e privata dell’autore perché figlia da una parte dell’illustre curriculum dello stesso, e dall’altra di un drammatico avvenimento familiare. Di sicuro è un tassello significativo per la storia di questa città che speriamo possa avere nel prossimo futuro nuovi e interessanti contributi.

L’Azione, domenica 22 febbraio 2015

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: