Non è un paese per Massimo Marchiori

7 febbraio 2012 alle 14:59 | Pubblicato su commenti, internet | 2 commenti
Tag: , , , , , , , , ,

Chi è Massimo Marchiori? Un ingegnere padovano quarantaduenne che, una quindicina di anni fa, concepì l’algoritmo dal quale poi Sergey Birkin e Larry Page hanno sviluppato il PageRank, poi creato Google, e quindi fatto i miliardi.

Non è certo la prima volta che degli americani ottengono fama e soldi alle spalle di un italiano (avete presente Antonio Meucci? Sì? Ecco). E non è certo la prima volta che un italiano si distingue nel campo dell’informatica a livello mondiale ma rimane sconosciuto al grande pubblico (avete presente Federico Faggin, Leonardo Chiariglione e padre Roberto Busa? No? Ecco).

Marchiori, professore universitario a Padova, ieri ha presentato nella città dove insegna Volunia, una nuova piattaforma che, stando ai primi commenti, dovrebbe porsi a metà strada tra un social network e un motore di ricerca. Ma, a prescindere da cosa effettivamente sia, la presentazione di Volunia e tante reazioni nella Rete e nei media ad essa sono una triste immagine di cosa significhi oggi, in Italia, anche solo provare a fare innovazione.

Dunque. Bisogna organizzare una conferenza stampa in diretta streaming. Gli occhi del mondo ti sono puntati addosso (lo dimostra che #Volunia, ieri a mezzogiorno, era in testa ai trending topic mondiali su Twitter). Bene: com’è possibile un tale pressappochismo nel gestire, a livello di immagine, un’occasione del genere? Vediamo un po’ in che senso.

* La locazione: il palazzo del Bo è la sede dell’Università e quindi era giusto organizzare la conferenza in quel luogo, ma l’aula scelta era un po’ troppo vetusta e claustrofobica per “adattarsi” bene al tema trattato.

* Posti vuoti a caso nelle prime file, gente che va avanti e indietro incessantemente. Questo ha contribuito ad accentuare un senso di confusione.

* Un quarto d’ora di ritardo, più italico che accademico.

* Le introduzioni: il rettore dell’Università parla di innovazione e modernità, ma le sue parole stridono con quanto si percepisce intorno; il sindaco di Padova, presente solo perché impossibilitato ad andare a Roma causa neve, parla dimostrando tutta la sua ignoranza informatica (per esempio: “quando non c’era Google c’erano i programmini per fare le ricerche, tipo quello che si chiamava Lycos”). Il terzo e il quarto aggiungono poco di significativo.

* Mancano i sottotitoli in inglese, ma questo glielo perdono. La nostra lingua è bistrattata in Italia e all’estero, e per una volta saranno gli stranieri a fare lo sforzo di tradurre e non viceversa.

* Ultima osservazione, quella che mi fa più imbestialire: com’è possibile che nessuno si sia preso la briga di assicurarsi, in anticipo, che il videoproiettore funzionasse? Non è certo necessario scomodare Steve Jobs per capire quanto sia più efficace comunicare se hai delle immagini che illustrano ciò che dici. Invece no: Marchiori si è trovato a dover parlare a braccio per tutta la parte iniziale della conferenza.

Niente di quanto illustrato qui sopra va imputato direttamente al professor Marchiori: tanto di cappello per il fatto che, nonostante il provincialismo che lo circondava, sia riuscito a mantenere almeno un’apparenza di calma e di ironia. Ma come se non bastasse, su di lui si è abbattuta la scure di una parte significativa degli internauti: molti di questi, prima ancora di aver effettivamente utilizzato il servizio, già parlano di fallimento annunciato, criticano la grafica, ritengono impietoso il confronto (tra l’altro improprio) con Google. Dulcis in fundo, i telegiornali (almeno quelli che ho guardato io) si sono ben guardati di dare la notizia.

Perché noi italiani siamo così privi di amor proprio? Al di là degli aspetti senz’altro migliorabili che ha questo nuovo servizio (che, essendo appena nato e in fase di test, ovviamente ha dei difetti), tutti noi dovremmo provare almeno simpatia, se non ammirazione, o perlomeno solidarietà, per un “cervello” italiano che ha rinunciato alla fama e ai soldi che avrebbe trovato all’estero per rimanere in Italia, ad insegnare ai nostri studenti e ad “investire” nella sua, e nella nostra, nazione.

E invece no: non solo Marchiori vive in un paese che non investe in ricerca e sviluppo, senza sostegno mediatico e circondato da persone che gli hanno organizzato una presentazione provincialotta ed approssimativa: si ritrova ad avere molti connazionali che, invece di sostenerlo almeno a distanza, non gli perdonano nulla, subissandolo di critiche spesso fuori luogo.

E’ comodo dare la colpa alla politica, alla società, alle istituzioni, insomma agli altri se in Italia non ci sono opportunità, non c’è crescita. Perchè forse siamo noi, per primi, a non meritarcele.

Buona fortuna, Massimo. Buona fortuna, Volunia. Vista la situazione, ne avrete senz’altro bisogno.

2 commenti »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

  1. Non abbiamo bisogno di un motore di ricerca italiano ma di una piattaforma nuova e impegnativa, magari indiana o cinese, che permetta pertinenza e rilevanza dei dati in una modalità tale che ogni persona sia garantita del risultato ed in una forma che sia facile e intuitiva.
    da quello che leggo e ho visto Volunia è molto lontana da tutto questo e pertanto non so che valore aggiunto porterà.
    Se poi vogliamo tirarci per i capelli per puro nazionalismo, facciamolo.

    Mi piace

  2. Concordo che è troppo presto per dare giudizi negativi senza prima aver lasciato la possibilità di portare a compimento e sviluppare ulteriormente l’idea avuta dal Sig. Marchiori, senza contare sul fatto che potrebbe essere una base su cui fare nascere idee innovative da parte di altri ricercatori.

    Mi piace


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: