Donne e giovani alle amministrative opitergine


Le donne e i giovani sono due categorie che, specie nel nostro paese, non godono certo di grande rappresentatività nella vita politica del nostro paese. Ma com’è la situazione a livello locale? Vi proponiamo un’indagine statistica sui candidati consiglieri alle imminenti amministrative a Oderzo che può diventare una buona cartina tornasole.

Se indaghiamo sul numero di maschi e femmine candidati, a contendersi il posto di più equilibrati sono Lega Nord e Movimento 5 Stelle: le percentuali di candidature maschili sono il 50,8% per il Carroccio contro il 53,3% dei cosiddetti “Grillini”. Ma togliendo i due candidati sindaco dalla statistica, per Astolfo abbiamo 7 maschi e 7 femmine, dunque un 50%-50% tondo, contro il 51,6% maschile dei candidati della Durante. I maschi rappresentano il 69,2% dei candidati di Bedini, il 78,8% di quelli di Dalla Libera, il 79,6% di Luzzu ed infine l’88,2% di Ferri.
A livello di liste singole, tra le dodici Lega Nord e Giovani per Michela Durante sono le uniche due a maggioranza femminile (rispettivamente 53 e 56%); il Carroccio opitergino continua quindi a valorizzare il “gentil sesso”, tendenza non certo nuova: la giunta Pujatti aveva infatti più assessori donne che uomini.

Come prevedibile, i Giovani per Durante rappresentano anche la lista con l’età media più bassa: 28 anni e 3 mesi. Trentatré anni e tre mesi l’età media dei candidati di Rifondazione Comunista, che schiera ben quattro candidati su dodici con al massimo vent’anni; 38 invece l’età media dei Grillini. I candidati meno giovani li presenta la lista civica “Oderzo Sicura” (quasi 54 anni).
Se si considerano le coalizioni e non le liste, le medie tendono ad avvicinarsi: quasi 43 anni per i candidati della Durante, 46 anni e mezzo per Ferri, 48 e tre mesi per Dalla Libera, quasi 49 per Luzzu.

In generale vediamo che i candidati hanno un’età media di 44 anni e mezzo; sono in tutto ben 192, ovvero uno ogni 104 residenti circa, e per il 67,7% sono di sesso maschile.
L’altro dato che emerge da questa indagine è che il maggior equilibrio tra maschi e femmine si tende a riscontrare nelle liste con l’età media più bassa: è il segno di un cambio di mentalità che probabilmente porterà, con il cambio generazionale, ad un maggior coinvolgimento femminile nella vita politica.

Legenda grafico (cliccare sopra per ingrandire)
Asse X: percentuale di uomini candidati
Asse Y: età media dei candidati in lista
Quadratini con bordo spesso: posizione delle coalizioni
Quadratini senza bordo: posizione delle liste
Quadratini senza bordo e testo: posizione delle coalizioni togliendo il candidato sindaco dalla statistica (in 2 casi su sei questa rimozione è ininfulente nella media).
Quadratino grigio con scritto TOT: media totale di tutti i candidati.
Colori: Giallo = Astolfo (Movimento 5 Stelle); Rosso = Bedini (Rifondazione Comunista); Grigio chiaro = Dalla Libera (Oderzo Sicura); Blu = Durante (Lega Nord); Azzurro = Ferri (Popolo delle Libertà); Verde = Luzzu (Partito Democratico).

L’Azione, domenica 15 maggio 2011

Domani la seconda parte dell’indagine, che si può comunque già leggere nel sito de L’Azione insieme alle tabelle usate per questa statistica.

Annunci

2 pensieri riguardo “Donne e giovani alle amministrative opitergine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...