Body scanner


5 gennaio 2018

Il governo italiano dice sì all’ispezione anale negli aeroporti. “Il body scanner non rileva l’eventuale presenza di capsule di nitroglicerina nel retto – ha affermato stamane il Ministro per la Sicurezza – Grazie all’ispezione anale avremo potuto evitare l’attentato a Stoccolma la scorsa settimana”. L’Italia quindi si adegua alle ultime indicazioni dell’Unione Europea, la quale si è già attivata per organizzare corsi di preparazione per i futuri addetti alle ispezioni. “Le operazioni saranno eseguite da personale specializzato e preparato – continua il ministro – che garantirà il massimo della professionalità e dell’igiene”.

Sono già centinaia le persone in tutto il continente che hanno dichiarato la loro disponibilità a fare da cavie compilando l’apposito modulo su internet. “Mi rendo conto che la privacy degli utenti è importante – ha concluso il ministro – ma lo è anche il loro diritto a viaggiare in totale sicurezza”.

E da Milano giunge notizia che le contrattazioni dei titoli legati alle principali ditte produttrici di guanti in lattice sono state sospese per eccesso di rialzo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...