Orzo Bimbo

Non è una notizia fresca, ma mi è sembrato doveroso riportarla ugualmente.
Che dire, dopo un tale discorso di commiato? Penso non ci sia bisogno di dire niente. Se non che l’11 ottobre 2007 è stato un brutto giorno per Il Giornale.

Annunci

Levi's Parte II

Bene. Il signor Levi ha tenuto a precisare che la sua proposta di legge, se verrà approvata, riguarderà soltanto i giornali on-line e non i blog. Il giorno in cui è stata discussa infatti mezzi ministri non c’erano o, se c’erano, dormivano.

Chi ha sbagliato allora? Il governo che si è reso conto di aver fatto l’ennesima vaccata e ha fatto dietrofront? I giornalisti che per l’ennesima volta hanno preso fischi per fiaschi? O è stato Grillo? Oppure Grillo ha creduto ai giornali cadendo in contraddizione con se stesso?

Chi lo sa. Ammetto che comunque immaginavo che sarebbe finita così. Pericolo scampato.

Aggiornamento: Grillo nel suo ultimo post non la pensa proprio così. Intanto la notizia è trapelata e sta facendo il giro del mondo. Per noi un’altra figura di m…

It's up to you

Una settimana è passata da quando i Radiohead hanno messo on-line il loro nuovo album, con la rivoluzionaria scelta di farlo pagare quanto si vuole a chi lo scarica. Si entra nel sito, si lascia qualche dato personale (a quanto pare non necessariamente autentico); si seleziona l’importo che si vuole pagare e si inizia a scaricare.

Tanti navigatori hanno potuto subito notare che l’album è scaricabile anche mettendo come importo £ 0.00.

Cioè scarichi un album musicale nuovo di zecca e gratis e legalmente.

Che idioti, direte voi. Anzi, che idioteque, tanto per restare in tema.

Invece no: si calcola che nel giro di appena una settimana Thom Yorke e soci abbiano già guadagnato 10 milioni di dollari.

Si calcola anche che se avessero messo gli mp3 dell’album in vendita su qualche sito specializzato avrebbero guadagnato appena un quarto di questa cifra.

Se avessero invece venduto il disco con i canali tradizionali… beh, probabilmente meno ancora. Infatti avrebbero dovuto pagare la casa discografica e tutti gli intermediari che contribuiscono alla realizzazione del disco fisico.

Certo, dirà qualcuno, loro possono farlo perché si chiamano Radiohead e sono già famosi in tutto il mondo. Degli artisti emergenti non potrebbero permettersi una mossa simile. E’ vero, però si tratta comunque di un cambio di rotta clamoroso.

Il loro esempio verrà seguito da altri artisti? Stiamo per assistere finalmente ad una rivoluzione nel mondo della musica?

Lo scopriremo solo vivendo.


In radio: Radiohead – All I Need (vedi video qui sopra)

A proposito di ambiente…

A proposito di clima che sta andando a farsi benedire, mi è capitato per le mani questo articolo pubblicato ne La Stampa con lo studio, pubblicato su Nature, di cinquecento scienziati che va decisamente controcorrente rispetto alle previsioni catastrofiche che si sentono di solito. Secondo questi scienziati è normale che il clima si stia riscaldando: è successo numerose volte nella storia, con cicli regolari, alla faccia dell’effetto serra.

Non sarebbe la prima volta che dei cosiddetti "esperti" sbagliano clamorosamente una previsione… in fondo durante la crisi petrolifera negli anni ’70 non dicevano che con i ritmi di allora il petrolio sarebbe terminato entro il 2000?

Chi avrà ragione? Lo scopriremo solo sudando…

Romania vs. Italia vs. Germania

Secondo questo servizio di Terra! datato 7 ottobre, zingari e romeni in madrepatria non delinquono. Perchè? Per la severità delle leggi del loro stato…
L’altra faccia di una nazione che da noi ha una reputazione che, forse, non merita.

E così i rumeni vengono qua, mentre noi i casini andiamo a combinarli in Germania. E ad Hannover un sardo che ha violentato e seviziato la fidanzata ha ricevuto uno sconto di pena per "attenuanti etniche e culturali". Ringraziamo il dipendente Prodi e gli altri nostri politici che hanno evitato di indignarsi pubblicamente: siamo nell’Unione Europea, e per la pacifica collaborazione bisogna evitare inutili e sterili polemiche con un’altra nazione.