Il concerto a Oderzo: commenti


Cercherò di essere telegrafico.
L’organizzazione. Pollice verso. Ci sono stati parecchi problemi prima e durante la serata, e non tutti sono imputabili al rinvio per maltempo. Intanto il tempo (inteso come minuti): cinque giorni prima ci hanno chiesto di aumentare il numero di canzoni perché suonavamo troppo poco, poi poco prima di salire ci hanno detto “un quarto d’ora altrimenti vi tagliano” e poi ci hanno costretto a tagliare un pezzo. Non ci giurerei perché avevo la testa un po’ tra le nuvole ma mi sembra che siamo stati gli unici a suonare solo tre pezzi e quelli che hanno suonato meno. Costringendoci a tegliare un pezzo al quale ci tenevo, e l’unico dove suonava anche Francesca. E poi i volumi mal regolati, l’incertezza sugli orari e sul da farsi nelle ore precedenti, le ipotesi assurde di fondere la serata col NO Festival, l’impressione generale di una cosa “buttata lì”. Senza contare che scegliere di suonare la domenica invece che un sabato successivo ha penalizzato parecchio la buona riuscita della serata. Capisco che una certa persona "Il 2 giugno vuole anche andare in ferie", ma… E poi le sedie davanti al palco, ecc… ecc… ecc… Insomma in generale l’atmosfera è stata ben diversa di quella della prima edizione, quel “Rock-a-volontàriato” sostituito dall’orribile ed errato “Volunteer Art Attack”.
Il pubblico. Paradossalmente è stata una delle nostre esibizioni con meno spettatori. E sembravano pure piuttosto distratti. Ho percepito una scarsa partecipazione, non solo quando suonavamo noi che in fondo eravamo gli ultimi arrivati,  e quelle sedie erano di certo più adatte ad un concerto di musica classica. Cosa ci voleva a spostarne o toglierne almeno un po’?
Noi. L’idea che mi sono fatto sentendo i due pezzi registrati da mio fratello con la fotocamera digitale è che gli errori di esecuzione si siano sentiti poco. La voce si sentiva poco, specie quella di Francesca, ed in generale mi sembra che sia stata un’esibizione un po’ fiacchina, e la distrattaggine del pubblico non ci ha certo aiutato a scaldarci di più. Io, rimuginando il nervoso accumulato in due giorni, ho suonato un po’ troppo calmo. Attenderò comunque di avere in mano il video del concerto per giudicare meglio.
Gli altri. I Kontrofase, saliti sul palco per primi, certo non si sono esibiti puntando alla vittoria. Infatti dovendo suonare per prima la canzone in gara hanno preferito suonare il pezzo con cui aprono i concerti, ovvero “Anti-Truzzo”, piuttosto che il loro pezzo migliore, ovvero “L’uomo e l’odio”. E’ stato lo stesso Dario a dirmelo per l’intervistina per il giornale. I NatiXcaso con la novità del sassofono assomigliano sempre di più ai Califfo De Luxe. Il che da una parte è positivo, perché significa che sono tecnicamente migliorati, e dall’altra è negativo, perché in questa maniera l’originalità spasma e la creatività deraglia, come direbbe il cretino della pubblicità del Duplo. I Double Swindle da veri punk sono saliti sul palco fregandosene di tutto e sapendo di avere probabilità pressoché nulle di vincere a causa del loro rapporto non proprio idilliaco con l’Amministrazione comunale. Saranno anche “alla lunga poco originali” come li definisce questo sito internet, ma la loro capacità di intrattenimento gli altri se la sognano. Dulcis in fundo i Breed, ancora più debuttanti di noi. Ammetto di non averli ascoltati con grande attenzione per le tante cose che mi passavano per la testa (e quindi il video mi tornerà utile anche per questo) ma mi sono sembrati i più originali anche se un po’ ripetitivi. Sono stati fregati forse dal fatto che cantavano in inglese, ma promettono bene.
Mi sembra di aver detto tutto. Non sono stato telegrafico però. Chi se ne frega.

Annunci

2 pensieri riguardo “Il concerto a Oderzo: commenti

  1. Bel resoconto hal, complimenti.
    Io riporto quello che ha scritto steel sul forum dei kontrofase. Mi sembra interessante e per quel che mi riguarda mi ha fatto tornare sui miei passi circa l’idea di trasformare IndipendenzaSonora in un concorso.


    nn capisco perchè qualcuno se la possa prendere xchè hanno vinto i kontro…chi si era iscritto con l’intento di vincere è un gran fallito, quindi si potrebbe anche smettere di fare polemica, non è altro che un pezzo di carta e nn credo che a loro importi molto aver vinto…di certo non gli ha cambiato la vita (mi sembra che a differenza dell’anno scorso non c’erano soldi in palio)…gruppi come noi non si sono voluti iscrivere come forma di protesta verso il comune, altri lo hanno voluto fare in modo diverso, sn punti di vista, basta! sia i nati che i kontro che i double (anche se loro cn molto + stile) hanno detto la loro sulla storia della sala quindi bene o male erano allo stesso livello…è stato un bel concerto per la musica che è quella che vince sempre…se ci abbassiamo a litigare sulle puttanate che il comune mette in piedi ogni anno (concorso, logo e stronzate varie) vuol dire che tutti vogliamo sto cazzo di concorso, invece ste cose sono da ignorare completamente!!! i concorsi sono per mettere competizione tra i gruppi, invece bisogna stare uniti, divertirsi e spaccare tutto!!!”
    firmato: 666-steel3032-999

    Mi piace

  2. A dire il vero io ho cominciato a pensarci su anche prima di leggere questo intervento. Valuteremo con i componenti dei vari gruppi se fare questa cosa o meno, anche perchè a Camino la “gara” verrebbe strutturata in maniera diversa rispetto a come l’ha intesa il Comune.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...