Non sono pazzi, sono americani…


…titolo che parafrasa la frase che dicevano sempre quelli della Gialappa’s a proposito dei giapponesi nel lontano 1990, quando conducevano Mai Dire Banzai.
Oggi infatti Terri Schiavo se n’è andata.
La sua vicenda, oltre a creare un pericoloso precedente che aiuterà tutti coloro che d’ora in avanti vorranno far ammazzare il nonno "perchè ormai è solo un impiccio" o qualcosa del genere, mostra ancora una volta quanto siano strani i nostri alleati americani, sempre pronti a tirarti in faccia la loro (quella sì) splendida Costituzione datata 1776 quanto a mostrare le loro strane concezioni di libertà, diritto alla vita ecc. ecc. ecc., e anche senza tirar fuori per forza la guerra in Iraq come va di moda.
Abbiamo visto il caso di una donna ridotta "in stato vegetale" (evidentemente in America le piante sorridono, beati loro) e dei suoi genitori che nonostante abbiano gettato al vento un sacco di soldi in avvocati ed aver più volte garantito di voler accudire la loro povera figliola, hanno dovuto subire la sentenza di morte del marito di lei. O meglio, ex marito di lei visto che ha ottenuto l’annullamento del matrimonio. Questa persona, ripeto, il suo EX marito, in base alle leggi della Florida ha avuto quindi il potere di decidere che la sua EX molgie non doveva restare in vita, che doveva essere cremata e pure (inizialmente) che non poteva ricevere i Sacramenti. Nemmeno il presidente Bush in persona, ovvero l’uomo più potente del mondo, ha potuto impedirlo.
Cosa si può dire di una vicenda del genere? In realtà anche niente, mi sembra che si commenti già abbastanza da sola.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...